Bruno Riva

scaricare la brochure in pdf

ブル一ノ リ一ヴァ
布鲁诺 利瓦 
부루노 리바
Nome d’arte: 河元仙

Bruno Riva

Bruno Riva, di formazione architetto d’interni e scenografo, si dedica da trent’anni allo studio e alla pratica della calligrafia e della sigillografia dell’Asia Orientale, cinese e giapponese, nelle forme tradizionali e contemporanee.

La sua ricerca creativa si orienta in più direzioni usando le potenzialità espressive di tutte le forme tradizionali di scrittura, da quelle antiche al corsivo, dalla scrittura normale alla corrente.

Le sue opere mostrano una particolare attenzione all’esecuzione tecnica abbinata a un’accurata ricerca compositiva che in molti casi rispetta i canoni tradizionali ma in altri propone nuove originali soluzioni.

Ha studiato con i maestri Ruan Zonghua 阮宗華, Kataoka Shikō 片岡紫江, Yamada Tomie 山田富江 e presso l’Accademia di calligrafia Lanting di Shaoxing; ha partecipato a numerosi seminari di calligrafi giapponesi e cinesi, tra cui i maestri Koyama Tenshū 小山天舟, Tanaka Jōmyō  田中成明 e Nagata Hōtei 永田峰亭; e con altri intrattiene relazioni di collaborazione.

Le sue performance, tutte a tema, hanno avuto luogo in spazi interni ed esterni e in ambiti molto diversi, come la grande sala centrale della Camera di commercio di Treviso, il Museo del fumetto di Milano, Villa d’Este a Cernobbio, il MUDEC di Milano, il MUSEC di Lugano, la sala delle cerimonie dell’Ambasciata giapponese di Abu Dhabi, il Museo Bagatti Valsecchi di Milano e lo Spazio Morel di Lugano, caratterizzato da un’affascinante architettura industriale degli anni Quaranta. Nelle calligrafie di grandi dimensioni si esprime in modo marcatamente gestuale con un’espressività ai limiti della destrutturazione dei caratteri di scrittura, indirizzandosi verso il segno astratto.

Le performance possono svolgersi anche su teli di grande formato, come nel 2013 al Teatro Studio del Piccolo Teatro di Milano su una superficie di circa 60 metri quadrati.

Performance al Teatro Studio

Dalla metà degli anni Novanta svolge un’intensa attività associativa e ha fondato, con Katia Bagnoli e Carmen Covito le seguenti associazioni: Associazione culturale shodo.ch, Accademia di calligrafia Ruimo, Associazione culturale shodo.it, Confederazione Europea di Calligrafia.

Fino al 2019 ha collaborato con la Beida 北大, la maggiore Università di Pechino, da cui ha ricevuto più volte il riconoscimento di Excellent Teacher in occasione della Coppa Yanyuan 燕园杯, mostra e concorso annuale internazionale per scuole calligrafiche.

È membro della Japan Educational Calligraphy Federation 日本書道教育連盟 di Tokyo.

È riconosciuto da questa federazione maestro di calligrafia in kana e kanji con proprie scuole in Svizzera e a Milano; i suoi allievi possono seguirne il percorso didattico e sostenerne gli esami, ottenendo i regolari diplomi JECF.

Mostre organizzate:

Dal 1999 ha curato, con la collaborazione di Katia Bagnoli, Carmen Covito e altri professionisti, numerose mostre esponendo opere di calligrafi contemporanei europei e affermati maestri dell’Asia Orientale.

Shodō   (Comano/Lugano, Svizzera, 1999)

La via della scrittura   (Biblioteca civica, Vimercate MI, 2003)

Scrivere (Museo d’arte, Mendrisio, Svizzera, 2004)

Calligrafia cinese (CSIA, Lugano, Svizzera, 2005-2006)

Shufa: Calligrafi in Europa (CSIA, Lugano, Svizzera, 2007)

Shodō: Calligrafia giapponese (Sessa, Svizzera, 2007)

Il segno rubato (Milano e Lugano, 2008)

Shikishi. Le calligrafie di piccolo formato (Milano, Lugano, Venezia, 2008-2009)

La nobiltà della scrittura. Oltre mille anni di calligrafia in Giappone   (Civica Biblioteca, Bergamo, 2010)

Lo spirito e il segno (Casa delle Culture, Milano 2010 e Casa Comunale Pasquee, Massagno, Svizzera, 2011)

美 Bellezza: Opere recenti (Mostra personale – Les Piyamides, Lugano, Svizzera, ottobre 2011)

Mottainai : Oh che spreco! (Milano, aprile 2012)

Fiori d’inchiostro : Temi di natura nella calligrafia dell’Asia Orientale (Parasio, Cannobio, ottobre 2012 e Centro esposizioni, Lugano, Svizzera, aprile 2013)

La spiritualità nella poesia giapponese e dell’Asia Orientale (Espocentro, Bellinzona, Svizzera, aprile 2014)

Omaggio all’arte di Luna di Loto. Mostra dedicata alle creazioni di Ōtagaki Rengetsu 太田垣 蓮月 (1791-1875), monaca, poetessa, calligrafa e ceramista. (Galleria Arte Giappone, Milano, giugno 2014; Palazzo Civico e Centro espositivo ex Asilo Ciani, Lugano, Svizzera, 2014)

Kanpai: Mostra personale (Galleria Arte Giappone, Milano, dicembre 2015)

Calligrafie (Carcente/Como, 2015)

Ama no hara 天の原 : Le pianure del cielo (MUDEC Milano, ottobre 2016)

Le vie della Calligrafia (MUDEC Milano, aprile 2018 e MUSEC Lugano, giugno 2018 )

Acqua 水 : Mostra personale (Galleria La Cantina, Muzzano, Svizzera, giugno 2021)

Partecipazioni a mostre:

Ha esposto in importanti mostre calligrafiche in Cina, Giappone, Corea, Thailandia, Europa e Stati Uniti, tra cui le seguenti:

International Calligraphy Exhibition in occasione delle Daegu Summer Universiade 2003; Daegu, Corea del Sud, agosto 2003

Koten rinsho-ten 古典臨書展. 22a mostra di Rinsho calligrafici, Kanazawa, Giappone, settembre 2004

Grande mostra mondiale di arte e cultura calligrafica 世界书法文化艺术大展 a tutte le edizioni della mostra, dall’ottava (2004) alla ventitreesima (2019), che ha luogo a Seoul e ogni anno è presentata in una diversa citta cinese. Ha collaborato  all’organizzazione, permettendo la partecipazione dei membri delle sue associazioni e di altri calligrafi; nel corso degli anni sono state coinvolte anche le scuole del maestro Hai Shuey Yeung (GB), del maestro cinese Wang Fei (Ginevra), della maestra giapponese Hiraoka Kazuko (Italia) e altri calligrafi indipendenti come Morioka Shizue e Yonemoto Kōro (Tokyo), tutti presenti sotto la sigla della CEC.

World Calligraphy Biennale of Jeollabuk-do; alle sette ultime edizioni, dal 2009 al 2021, Jeonju, Corea del Sud.

Mostra del Museo della calligrafia giapponese 日本書道美術館展 Tokyo-Itabashi, Giappone; 32a edizione, agosto 2005,  34a edizione, agosto 2007 e  44a edizione, luglio 2017

Mostra calligrafica Shoshōten 書象展. National Art Center di Tokyo, Giappone,  giugno 2008

Yanyuanbei 燕园杯 Coppa Yanyuan. Grande mostra calligrafica organizzata dalla Beida – Beijing University 北京大學, a tutte le edizioni dalla quarta del 2009 alla tredicesima del 2018; Bruno Riva ha collaborato all’organizzazione e partecipato con i propri allievi.

First International Calligraphy Exhibition Series. China Dancheng Biennale 鄲城書法   Dancheng, Cina, 2010

Mostra commemorativa del centenario della rivoluzione cinese in diverse città in Cina, 2011

Keifūkai Shoten 景風会書展 . Takarazuka, Giappone, edizioni del dicembre 2011 e del 2013

Gwangju International Calligraphy Exhibition 光州國際書藝大展. Gwangju, Corea del Sud, luglio-agosto 2013

30a Yomiuri Shohō Ten 読売書法展. Trentesima edizione del Concorso Yomiuri, Miyako Messe Kyoto, Giappone. Nel 2013 Bruno Riva e Katia Bagnoli sono stati i primi occidentali ad ottenere la selezione per l’annuale esposizione del concorso Yomiuri 第30回読売書法展, una delle tre più importanti manifestazioni calligrafiche giapponesi.

Art of Ink in America 2013/14: Gesture and Beyond. mostra organizzata dall’AIAS – Art of Ink in America Society in tre sedi negli USA tra novembre 2013 e marzo 2014:   Godwin-Ternbach Museum, Queens College Flushing, NY; Alexey von Schlippe Gallery of Art, University of Connecticut, Groton; Charles Chu Asian Art Reading Room, Connecticut College, New London

Le Pavillon des Orchidées en Europe  蘭亭書法學堂在歐洲. Mostra calligrafica al Museo d’arte della città di Shaoxing, Cina, marzo 2015

Expo 2015 Milano. Esposizione sulla facciata del Padiglione Zero / Divinus halitus terrae a Milano di riproduzioni su tela di due calligrafie di 4×6 metri, da maggio 2015; ancora esposte.

Wopart: Work on paper fair. Esposizione di dodici opere su carta artigianale giapponese; Fiera d’arte, Lugano, Svizzera, settembre 2016

MA(N)GAZINE. Mostra alla Galleria Grossetti Arte e MUSEOTEO+ in occasione del numero 40 della rivista internazionale di arte contemporanea MUSEO TEO ARTFANZINE,  novembre 2016

Beauty of Ink. Mostra organizzata dall’AIAS – Art of Ink in America Society in tre sedi, negli USA e in Thailandia, tra il 1° febbraio e il 14 ottobre 2018: Graduate Theological Union, Berkeley, California;  Dharma Realm Buddhist Univ., Ukiah, California; Bangkok Art and Culture Centre, Bangkok, Thailandia

Qingdao International Calligraphy Biennale 青島書法國際雙年展 2018 prima ediz., Qingdao, China, ottobre 2018

Calligraphies in Conversation – 5th Annual International Exhibition. Asian Cultural Center, Oakland, California, USA, novembre e dicembre 2018

Dialogue d’encre / Ink Dialogue. Mostra organizzata dall’AIAS – Art of Ink in America Society in due sedi, in Francia: Bibliothèque Ceccano, Avignon, gennaio 2020;  Mairie du 8e Arrondissement, Paris, febbraio 2020

紀念敦煌莫高窟藏經洞發現 120 周年  國際書法邀請展邀請函 Mostra internazionale di calligrafia per la Commemorazione del 120 ° anniversario della scoperta delle Scritture buddiste nelle grotte di Mogao a Dunhuang. Dunhuang e Beijing, 2020

The Embodied Line. Mostra organizzata negli USA dall’AIIS, Art of Ink International Society, nel 2022 in due sedi: Cherry Blossom festival, Japantown, San Francisco (CA) e Hammerfriar Gallery, Healdsburg (CA)

Bruno Riva tiene conferenze e lezioni  sulla calligrafia e sulla sigillografia, seminari didattici e performance in musei, scuole e università e nell’ambito di manifestazioni dedicate alle arti dell’Asia Orientale. Elabora documentazione didattica, pubblica articoli per riviste e testi teorici e storici sulla calligrafia dell’Asia orientale e su altri argomenti legati alla cultura e alle arti giapponesi e cinesi.

Le sue calligrafie sono incise in stele di pietra esposte nella Nuova Foresta delle stele (40×140 cm), museo di stele calligrafiche presso la Residenza temporanea del primo imperatore Huangdi a Zhengzhou, Cina, 2011, e nel Giardino dei tesori d’inchiostro 中國墨寶園, (70×140 cm), museo all’aperto delle stele calligrafiche, a Tongyu, Manciuria, Cina, 2011.

È socio dell’AISTUGIA, Associazione Italiana per gli Studi Giapponesi, per cui nel 2019 ha realizzato la scritta calligrafica del nome in giapponese.

In molte creazioni lavora sulle potenzialità comunicative dei pittogrammi risalenti ai modelli primigeni di scrittura, delle dinastie Shang e Zhou. Associa le configurazioni evocative di questi antichi caratteri anche all’uso del colore, che generalmente è bandito dalla tradizione calligrafica dell’Asia Orientale.

Questa ricerca sui caratteri antichi si estende alla realizzazione di sigilli, che costituisce una vera e propria arte chiamata 篆刻 Tenkoku in giapponese e Zhuanke in cinese, che affianca e integra la calligrafia impiegando quasi esclusivamente queste forme di scrittura.

Tutte le opere illustrate in questo documento sono state realizzate da Bruno Riva; le fotografie di eventi concernono le sue attività calligrafiche, educative e associative.

Le locandine e le copertine di cataloghi sono di mostre che ha curato o a cui ha partecipato.

Torna su